CURA.

VALENTIN JUST, NIKLAS LICHTI

Text by Jacopo Pontormo, Il libro mio

Emanuel Layr, Rome

March 18 – April 28, 2018

Share on:
Facebook
Twitter

Sabato cenai,
Domenica, che fu l’ulivo, desinai in casa
Bronzino certi crespelli mirabili.
Lunedì da mattina ebi uno ne l’orto
che legò e aconciò l’orto – la vanga.
Martedì feci quella gamba con la coscia
sotto a quelle schiere dette di sopra, cioè:
e la sera cenai una meza testa di cavretto.
Mercoledì due huova, e la sera cascò la gociola
a Cecho fornaio.
Giovedì altra meza fritta.
Venerdì, che fu el dì sancto, cenai uno pesce d’uovo solo con zucchero e once 8 di pane.
Sabato lavorai quel masso; e venne el Duca a Sancto Lorenzo, cioè a l’uficio; la sera poi non cenai.
Domenica, Pasqua, fu uno gran fredo e gran vento e
aqua; desinai con Bronzino once 6 di pane e la
sera non cenai.
Lunedì più fredo e vento e aqua; e
la sera cenai in casa Daniello once 6 di pane.
Martedì fu asai bello; e la sera cena once 10 di pane. Mercoledì mattina fu fredo e strettemi in casa; cenai
once 9 di pane, agnello el più bello che si possa.
Giovedì lavorai quelle due braccia; e cenai once 9
di pane, carne e cacio, e fu frediccio.
Venerdì feci la testa con quel masso che l’è sotto, cenai once 9 di pane, uno pesce d’uovo e una insalata,
e ho el capo che mi gira un buondato.
Sabato feci broncone e masso e la mano, e cenai once 10 di pane. Domenica cenai once 10 di pane e stessi tucto el dì stracco, debole e fastidioso; fu bellissimo dì e fe’ la luna.

1/5
 
2/5
 
3/5
 
4/5
 
5/5
 

CREDITS
Courtesy of the artists and Galerie Emanuel Layr

OTHER TIPS
P420, Bologna
Somerset House, London
Valentin, Paris
Rolando Anselmi, Berlin
Lulu, Mexico City
Fonderia Artistica Battaglia
Marselleria, Milan
MAXXI, Rome